MAGENTA CULTURA 2017

2017 programma

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Magenta Cultura Filosofia

CONFERENZE FILOSOFICHE 2016

A distanza di tre anni dalla prima edizione, Magenta Cultura dimostra quanto l’esercizio del pensiero possa essere generativo.

IMG_0565

“Noi, un gruppo di amici e studenti, dopo aver frequentato i cicli di conferenze filosofiche ed essere entrati in contatto con l’ambiente culturale magentino, ci siamo imbattuti in una grande apertura, istituzionale e non, verso la progettualità dei giovani. In questo clima, si sono sviluppate le nostre idee e ha preso vita il nostro progetto articolato su tre fronti.

Primo fra tutti, è nato il “taccuino filosofico”, un compendio delle sette conferenze svoltesi al Teatro Lirico di Magenta nella primavera 2016. I testi che lo compongono sono una riflessione personale delle lezioni magistrali ad uso e consumo di ogni lettore che voglia condividere le domande rimaste ancora aperte sul tema della libertà.

Tra Ottobre e Dicembre, in quattro dialogo-incontri, si è creato uno spazio di confronto con un pubblico esclusivamente giovane in cui si sono analizzati e discussi quattro differenti temi, legati al tema della prossima stagione “Guardare,  Vedere”. Il titolo del ciclo, OIDA: lo sguardo che conosce è significativo: oida è il tempo perfetto del verbo greco orao, cioè vedere. La forma perfetta indica un’azione svolta nel passato che ha comportato effetti nel presente e, pertanto, oida si traduce con sapere, conoscere perché ho visto, ne ho avuto esperienza fisica e mentale.
cop 1
Social Network: Cosa è il Social Network? Cosa ci attrae di questa realtà virtuale? Si può ancora parlare di separazione tra mondo virtuale e mondo reale?
Pornografia: in senso lato, il rapporto con il reale tramite l’immagine artificiale.  Quali contraddizioni si annidano nel rapporto tra sesso e individuo/società? Quale è la differenza tra un approccio pornografico e un approccio erotico?
Informazione: Quali reazioni abbiamo davanti a un evento di grande impatto? La nostra opinione si basa davvero su una salda conoscenza dei fatti? Davanti all’estrema complessità del reale, non resta che affidarsi agli altri? Esistono dei garanti della “verità”?
Cultura: Il ciclo si è concluso con un dialogo aperto sulla Cultura quale occhio visionario e antidoto al male di vivere.
Il terzo e ultimo atto del nostro progetto sarà mantenere aperto e vivo questo spazio di dibattito attraverso un percorso parallelo alle conferenze filosofiche, rivolto a tutti. Un momento di discussione e riflessione sui punti di vista dei Grandi Maestri.”
Martina Corbetta, Emanuele Locatelli, Olga Maerna, Alberto Massari, Giulia Aurora Radice, Marco Villari

 Il “Taccuino filosofico” edizione 2016 è in distribuzione nelle librerie di Magenta e sarà disponibile al banco libri durante le conferenze filosofiche della stagione 2017.

IMG

 

PROGRAMMA MAGENTA CULTURA 2016

 

Pubblicato in Magenta Cultura 2016 | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

ESODI

ESODI. QUATTRO INCONTRI PER PARLARE DI MINORANZE, IDENTITA’, MIGRAZIONI

ESODI è il titolo di tre incontri con quattro autori che hanno pubblicato libri sui temi: Minoranze, Identità, Migrazioni.  Con questo progetto UrbanaMente ha voluto incontrare uomini che in diverso modo hanno vissuto e raccontato il loro esilio.

locandina-stampa

La riflessione muove da questa evidenza. “L’epocale problema dei fenomeni migratori – vale sottolinearlo – non è esterno all’Occidente/Europa ma tutto interno e non può venire ridotto a tattiche banali di integrazione…Se ci riteniamo dalla parte della ragione, logica vorrebbe che tale risposta fosse razionale, dimostrasse un metodo.” Che ancora non c’è.
La difesa dei nostri valori non può peraltro escludere i valori dei diversi che varcano i confini della nostra cultura: lo sforzo della ragione e della comprensione è tutto nella parola che traduce, interpreta e realizza la convivenza umana.
Riusciremo a darci un metodo che sappia non solo accogliere ma darsi come possibilità?
Continua…
Pubblicato in Esodi | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Dante in città

Dante in città

Un flash mob per leggere il “poema sacro” dentro la città.

IMG_8940

IMG_8984

In sintonia con il programma delle celebrazioni dei 750 anni della nascita di Dante Alighieri, UrbanaMente con Dedalus e gli studenti del Liceo Scientifico Bramante ha proposto l’esperienza della parola poetica della Divina Commedia. 
Dal Parco di Casa Giacobbe in Via 4 Giugno lungo le vie di Magenta facendo del luogo il dato storico della parola.
Sabato 12 dicembre 2015 ore 15 
Continua a leggere
Pubblicato in esperienza della poesia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

MOSTRA IN SAFFA

banner-insaffa

25.09.2015 | 25.10.2015

Da un fiammifero…

un percorso di immagini tra storia, società e innovazione

 via Pusterla 7/8 – piazza Formenti, Magenta 
 
Saffa è stata per Magenta e il suo territorio l’esperienza industriale più importante per dimensione, varietà di prodotti e durata nel tempo. Fondata nel 1860 ha concluso il suo ciclo produttivo nel 2002 tracciando una storia ricca di passaggi significativi. Le tracce di ciò che fu un tempo sono ancora visibili. I corpi della fabbrica “spolpati come balene arenate” sollevano domande.
Quel tempo è definitivamente superato. Che cosa immaginare per il futuro?
Noi non conosciamo altro modo per rispondere che fare conoscenza.  Ripercorrere la storia, la storia di SAFFA non per nostalgia ma per capire come e perché è stata così importante, come e perché è divenuta un simbolo, come e con quali strumenti dare vita a un nuovo progetto.

SONY DSC

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

PERCHE’ AFRICA?

WHY AFRICA?

Una serata per vivere l’esperienza della poesia dell’Africa contemporanea. Dal canto griot alla poesia scritta, con le voci degli studenti dei Licei Bramante e Quasimodo, le immagini di Giovanni Porzio fotoreporter che, come sempre, ci regala  la sua visione vera e appassionata sulla gente e la terra d’Africa.
Magenta, martedì 12 maggio 2015

Perché l’Africa?

Per quanto ne sappiamo finora, l’umanità ha mosso – e continua a muovere – i suoi primi passi nel cuore dell’Africa. Nell’anno culturale dedicato alla Parola, l’incontro con l’Africa, terra d’origine del genere umano, è l’incontro con la poesia nella sua radicalità.
Partire dalle radici e seguire il movimento che dal canto griot porta alla parola scritta, permette di vivere l’esperienza di una poesia che, nel suo farsi, porta il segno di una trasformazione culturale in atto.
“…Sembra che nelle stesse comunità africane oggi si stia verificando una riaffermazione culturale. Questo sta accadendo in molti ambiti, primo fra tutti l’elemento fondamentale per costruire una cultura, l’elemento portante della storia, del significato e della tradizione: il linguaggio.” (Il sole 24 ore).
“Se da un lato si denuncia l’esistenza di un’Africa ufficiale, mimetica, devastata dalla passiva acquisizione dei modelli e dei prodotti imposti dal mercato globale, dall’altro si scopre la silenziosa ma efficace operosità dell’”altra” Africa, quella abbandonata al suo destino ma proprio per questo capace di “cavarsela” da sola (Serge Latouche).
E’ questa “Africa nascosta” che abbiamo cercato di scoprire.
Bibliografia
Isole galleggianti. Poesia femminile sudafricana. 1948-2008 a cura di Paola Splendore e Jane Wilkinson. ed. Le lettere Chinua Achebe. Attento “Soul brother”. Jaca Book 1995Chimamanda Ngozi Adichie. Americanah. Einaudi 2014        Peter Kammerer – Pasolini e l’Africa: la transizione difficile e l’uomo di Bandung. Magenta Cultura 2015

 

Pubblicato in conversazioni, incontri | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Programma Cultura 2015

foto ok

H. PETER KAMMERER

 UNA RIVOLUZIONE CULTURALE E UN LAVORO SULLE PAROLE

Della conversazione riportiamo alcuni passaggi.
La percezione che le parole siano diventate volatili, ambigue, è diffusa.  Venute a mancare le parole, è venuto meno anche il significato. Senza le parole non è possibile intenderci. Senza intesa è impossibile stabilire relazioni.  Vogliamo, cerchiamo parole che durino, ma le parole che durano non riflettono più la realtà. Perché la realtà è mutevole, mutante, i fenomeni cambiano con velocità e la nostra lingua non riesce più a stare al passo con la realtà; si diffondono così nomi falsi, che non danno ragione al vero. Che fare? Non si vedono che due strade: o tenere ferme le 20 parole classiche, con il rischio di non riuscire più a rappresentare la realtà, o sposare il nuovo. In che cosa consiste il nuovo? In due pensieri: una rivoluzione culturale e un lavoro sulle parole. (…)
Continua a leggere
Pubblicato in conversazioni, incontri, Magenta Cultura 2015 | Lascia un commento

STAGIONE CULTURALE 2015

UrbanaMente è partner del programma MAGENTA CULTURA 2015.
Condividendo nei contenuti l’ideazione della stagione ‘Magenta Cultura 2015’ perché in linea con i principi del nostro Statuto, non potevamo rimanere insensibili alla riflessione sul tema della Parola.
Con la tecnologia il nostro linguaggio si è arricchito, la contaminazione tra le lingue e le genti ha aperto possibilità creative e comunicative insospettabili. Ma la potenza creativa della parola porta in sé il rischio di de-generare se dimentica la radice da cui proviene.
Il linguaggio è convenzionale. Alla radice delle parole stanno figure originarie che determinano il senso. Ignorare questo dato della parola può generare incomprensione. I fatti recenti di Parigi sono un esempio di degenerazione delle parole. La parola può unire se insieme riusciamo a ritrovare e accogliere il senso.
Tra tutte le parole, quelle pronunciate assieme hanno uno statuto particolare e forte.
Sono atti sociali efficaci, di confronto e condivisione. Talvolta possono cambiare una vita.
logo magenta cultura 2015 copia
Libretto Magenta Cultura 2015
Pubblicato in Magenta Cultura 2015 | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

UrbanaMente partner di “Magenta Cultura 2014″

Con delibera di Giunta del 30 Dicembre 2013 l’Amministrazione Comunale di Magenta ha approvato l’accordo di partenariato con l’Associazione Culturale UrbanaMente per l’organizzazione e la promozione della stagione culturale denominata “Magenta Cultura 2014“.
In particolare l’accordo prevede l’impegno, da parte dell’Associazione UrbanaMente, dell’organizzazione delle lezioni filosofiche che vedranno la presenza di importanti personalità del panorama culturale del nostro Paese.
Vi invitiamo a cliccare sull’immagine sottostante per visionare il libretto completo di tutte le iniziative presenti nella stagione culturale “Magenta Cultura 2014″.
Deliberazione dell’accordo di partenariato tra “Comune di Magenta” e “Associazione Culturale UrbanaMente”.

LibrettoMagentaCultura014-1

_______________________________________________________________________

Pubblicato in Magenta Cultura 2014 | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Concorso fotografico “Fuori Campo”, le foto dei vincitori

Le rose di Nahid | 1° Premio
Una sera faccio ritorno dal lavoro in bicicletta ed incontro nahid, scambio due parole, chiedo dove abita e lui li indiac un ex caseificio fatiscente, una delle tante imprese smantellate di un remoto ricco nordest.
A pochi metri da casa mia scopro inaspettatamente una realtà di povertà ed emarginazione con condizioni da proletariato ottocentesco. Nahid è originario del Bangladesh finché era in salute è stato un lavoratore regolare; ora la malattia lo ha di fatto spinto nell’oblio, senza tutele né solidarietà sociale e ora minacciato anche dallo sgombero della struttura.
Nahid vive vendendo rose, ha voluto raccontassi la sua storia.
Verde urbano | 2° Premio
Il verde stradale è una tipologia di verde estremamente importante, che condiziona in modo sostanziale il paesaggio e l’ambiente urbano. É composto in prevalenza da cactaceae pungiformi, con estensioni tentacolari di verde brillante, trattate con vernice biocompatibile. Riescono ad adattarsi in ambienti avversi, in cui prevalgono condizioni estreme: fumi di scarico, inquinamento acustico, rifiuti urbani.

La realtà del mio mondo | 3° premio

Mi piace cogliere situazioni in cui si trova la gente. Ho scelto questa Signora come soggetto perché aveva tutto quello che possedeva con sé.
Mi ha stupito il suo interesse ed impegno nel leggere un quotidiano…
Ma cosa attirava così tanto la sua attenzione?
Mi piace pensare che quello che stava leggendo avrebbe potuto cambiare la sua Vita in meglio!

Menzione speciale
Fedeltà e indifferenza
Il clochard è abbandonato a se stesso, nell’indifferenza totale, fuori campo. Le persone sono impassibili nei suoi confronti, il loro distacco è in netto contrasto con la devozione del suo cane che gli rimane accanto fedele.

_______________________________________________________________________

Pubblicato in Concorsi | Lascia un commento